Outdoor Milano Domenica 21 agosto 2016

L'Orto Botanico di Brera: il verde dove non te l'aspetti

© SaraBrag
Altre foto

Milano - Ok, lo ammetto, qualche settimana fa sono stata a Roma e passeggiando a Villa Borghese, non ho potuto fare a meno di borbottare, «ah, se anche a Milano ci fosse un posto così...». Ora che quel posto l'ho scoperto, sento il dovere di fare ammenda e parlarne. Anche sotto la Madunina esiste un (mini) polmone verde pieno di fascino e storia: è l'orto botanico di Brera, un gioiellino poco conosciuto in pieno centro storico, perfetto per un momento di decompressione in mezzo alla natura.

Questo angolo bucolico ha una storia tutt'altro che banale, d'altronde si trova al Palazzo di Brera al cui interno sono ospitate la Pinacoteca, la Biblioteca Braidense, l'Accademia di Belle arti e l'Osservatorio astronomico. In principio proprietà dei Gesuiti che lo utilizzavano come frutteto, il giardino passa attraverso molte mani, su tutte il Governo Austriaco che lo trasforma in orto destinato alla coltivazione di erbe officinali. A Napoleone si deve l'apertura al pubblico della struttura. Nel 1863, è già un'affermata sede didattica della Scuola Superiore d'Agricoltura. Ad oggi, l'orto di Brera è proprietà dell'Università di Milano, che si occupa del suo mantenimento.

Fin dai primi passi nel chiostro del palazzo di Via Brera 28 ciò che salta agli occhi sono i variopinti studenti che si mischiano con i turisti, in gran parte stranieri. Sono quasi tutti qui per vedere il Cristo di Mantegna o la Cena di Emmaus firmata Caravaggio alla Pinacoteca. Quando chiedo al portinaio dove si trova l'orto, mi guarda un po' stranito e mi indica il primo corridoio sulla destra. Fra statue impacchettate in una specie di cellophane (chissà poi perché) e aule dall'aspetto perlomeno vissuto, percorro il lungo corridoio fino a che vedo una freccia. La seguo e mi ritrovo in un cortile. In fondo, un cancello in ferro: sono arrivata.

Scopro subito che la superficie dell'orto non supera i 5000 mq, ma è densamente 'popolata': stupisce la quantità di alberi, cespugli, erbe e fiori che racchiude. Verde ovunque, fino quasi a coprire le pareti del palazzo che sul giardino affaccia, lo stesso dove ha soggiornato Giuseppe Parini, in veste di Soprintendente dell'Accademia, nel 1791. Una didascalia posta all'ingresso mi informa delle due rarità principali dell'orto, due alberi davvero impressionanti: il tiglio - alto quasi 40 metri - e i due ginkgo (un maschio e una femmina, ma non chiedetemi come si fa a distinguerli) risalenti al periodo di fondazione del giardino. Guardandoli, non posso che pensare a quante persone, storie e aneddoti avrebbero da raccontare. E poi il noce americano e quello del caucaso, la firmiana, albero orientale arrivato a Milano per volere dei francesi.

Passeggiando senza un percorso prestabilito, colpiscono il silenzio e la pace che l'orto emana. Pur non perfetto - qualche spazio vuoto e due o tre piante un po' sofferenti ci sono - questo angolo verde è un regalo inaspettato anche per chi ama i fiori. Fucsie, tulipani, peonie. Chissà che spettacolo la fioritura delle magnolie, vicino alla serra del Piermarini, dal nome del progettista, lo stesso della Scala. Non manca uno spazio dedicato all'orto, che ospita mini-corsi destinati a grandi e piccini. Qui si può imparare come preparare il compost domestico o creare un giardino sostenibile, capire quali piante hanno bisogno di poche cure e quali erbe naturali possono arricchire il menu di una cena.

Il giardino di Brera fa parte della rete degli orti botanici della Lombardia, assieme ai giardini di Bormio, Bergamo, Pavia, Toscolano Maderno (Bs) e Tremezzo (Co). Restando in città, si consiglia una visita all'orto didattico di Cascina Rosa in via Valvassori Peroni 7 (02 50320886) perfetto per i bambini. Per informazioni sugli orari d'apertura dell'orto di Brera consultare il sito ufficiale.

Potrebbe interessarti anche: , Naviglio Grande, itinerario dalla Darsena di Milano al Parco del Ticino , Estate 2018, dove andare in piscina a Milano? Orari e prezzi , Bike sharing a Milano, estate 2018: gratis le prime 2 ore ogni weekend , Estate 2018, Milano ha un nuovo giardino: alla Fabbrica del Vapore nasce l'agriparco , Il labirinto di Villa Arconati torna a nuova vita dopo il restauro

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

L'affido Una storia di violenza Di Xavier Legrand Drammatico Francia, 2017 Dopo il divorzio da Antoine, Myriam cerca di ottenere l’affido esclusivo di Julien, il figlio undicenne. Il giudice assegnato al caso decide però per l’affido congiunto. Ostaggio di un padre geloso e irascibile, Julien vorrebbe proteggere... Guarda la scheda del film