Attualità Magazine - Venerdì 10 novembre 2017

La sinistra senza strategia diventa perdente

Magazine - L’elemento di identificazione della sinistra deve essere la difesa dei soggetti deboli e la limitazione delle diseguaglianze sociali, ottenuta con un’ampia distribuzione di benessere e diritti. Ma questo obiettivo sul posto di lavoro, è raggiungibile solo marginalmente, perché deriva invece principalmente dal quadro politico/sociale del sistema paese: la miseria dei servi della gleba era conseguenza della loro mancanza di diritti, così come la diffusione di benessere e libertà dei paesi avanzati, nella seconda metà del secolo scorso, era generata dall’affermarsi del regime democratico.

Fino a buona parte del secolo scorso la sinistra ha difeso i proletari, inizialmente pari al 97% della popolazione, in quanto soggetti deboli senza diritti; era corretto allora sia identificare i lavoratori con i proletari per l’identità dei due ruoli, sia utilizzare il posto di lavoro come punto di agglomerazione e di rivendicazione. Così la sinistra e il sindacato sono stati allora la forza trainante del processo democratico, mentre la teoria del plus valore ha offerto una legittimazione assoluta senza se né ma.

L’equilibrio si è rotto nella seconda metà del secolo scorso, quando è caduta della distinzione borghesia/proletariato e si è realizzata, nelle democrazie avanzate,  la società indifferenziata con il 50% della popolazione che fruisce del 50% delle risorse, rimanendo un 35% troppo povero e un 15% troppo ricco (dati Banca d’Italia anni 1990). È  caduta  così l’identità lavoratore/proletario, mentre lo stesso lavoratore può trovarsi alternativamente nel ruolo di privilegiato da combattere o di soggetto debole da difendere.

Inoltre il tenore di vita del singolo è sempre più condizionato dall’efficienza del sistema-paese, perché  la gestione del territorio, necessariamente di competenza pubblica, è diventato il compito principale della struttura produttiva ed è condizionata sia da una buona capacità regolatrice sia dalla disponibilità di tutti quei servizi quali sanità, istruzione, trasporti, parchi pubblici, sicurezza, garanzie sociali e quant’altro che, erogati in regime di monopolio naturale, sono di competenza pubblica e non gestibili dal privato attraverso il mercato.

Questa nuova realtà non solo evidenzia che la struttura pubblica, è l’unica determinante per l’equità sociale, ma pone i diritti dei lavoratori pubblici spesso in contrasto con quelli prioritari della collettività utente: la difesa dei lavoratori si traduce nella difesa di soggetti privilegiati e forti, contro utenti deboli. È spesso lo stesso individuo, fruitore di ampi diritti come lavoratore, che ne è privo come utente e paga decuplicati come utente i privilegi fruiti da lavoratore.

La difesa del lavoratore sul posto di lavoro ha inoltre scarse possibilità reali infatti: se l’azienda opera in regime di concorrenza, difendere un’occupazione non più necessaria significa mettere a rischio l’intera azienda; se invece opera in regime di monopolio si scarica sulla collettività il costo dell’inefficienza produttiva. L’unica soluzione reale sarebbe far crescere l’economia per riassorbire la disoccupazione tecnologica, ma è proprio quello che la classe politica non sa o non vuole fare.

Questa impotenza oggettiva vanifica le istanze sociali della sinistra e alimenta la fuga dalla realtà con dichiarazioni di principio politicamente corrette, ma impraticabili e dannose. Si accentua così la spaccatura della sinistra; da una parte la sinistra, dei duri e puri, che scelgono l’alternativa onirica di un mondo sperato raggiungibile però con logiche già condannate senza appello dalla storia; dall’altra i riformisti, oggettivamente privi di una strategia che possono seguire solo una logica di centro destra.

La sinistra senza strategia si avvia verso l’insignificanza, dando spazio alla destra e al suo pesante bagaglio culturale. Una crisi culturale abbinata a quella economica porta necessariamente alla notte della ragione che genera i mostri di una realtà che non vorremmo dover rivivere.  

Oggi al cinema

Io, Daniel Blake Di Ken Loach Drammatico Regno Unito, Francia, 2016 Per la prima volta nella sua vita, Daniel Blake, un falegname di New Castle di 59 anni, è costretto a chiedere un sussidio statale in seguito a una grave crisi cardiaca. Il suo medico gli ha proibito di lavorare, ma a causa di incredibili incongruenze... Guarda la scheda del film