Libri Magazine - Venerdì 7 luglio 2017

Il cadavere nel bosco, il nuovo poliziesco in salsa scozzese di Stuard MacBride

Magazine - Torna in Italia per i tipi della Nuova Narrativa Newton e il piacere dei lettori italiani Stuart MacBride con Il cadavere nel bosco (2017,512 pagine, 10 Euro), uno dei migliori esempi del tartan noir, o poliziesco scozzese. MacBride, che da un decennio si sta costruendo una reputazione tra i pesi massimi del settore con i suoi irresistibili romanzi con come protagonisti Logan McRae e la sua squadra, non scrive certo romanzi per tutti ma, per coloro che amano un certo tipo di narrativa contemporanea, è da porre su un livello superiore. E questo suo nuovo libro della serie McRae spiega con efficacia il perché con la sua prosa corrosiva e l’ambientazione che gli è più congeniale, il nord della Scozia.

Assaggino della trama: due persone sono scomparse e sembrano svanite nel nulla, inghiottite dal gelo che attanaglia da giorni la zona. Il sergente Logan MacRae, di nuovo in uniforme e trasferito alla costa settentrionale dell’Aberdeenshire, nel corso delle ricerche, seguendo nel bosco a sud di Banff un vecchio Golden Retriever addestrato a scoprire tracce, inciampa nel cadavere di un uomo, nudo, con le mani legate dietro la schiena, e un sacchetto dei rifiuti sulla testa. McRae scarica il delitto al suo ex capo, l’ispettore capo Roberta Steel, che arriva con la sua squadra, chiede il suo aiuto e pretenderebbe che lui zac! Risolvesse subito il caso. Ma Harper, la nuova sovrintendente dell’inchiesta, vuole fare a modo suo ed è decisa a rendere la vita difficile a McRae e alla Steel, mentre nelle alte sfere della Polizia ci sono spiacevoli verifiche in corso.

Nel frattempo Wee Hamish Mowat, il capo della più potente banda criminale della città, muore, designando Logan MacRae come suo esecutore testamentario e “lo vorrebbe” suo erede (il che significherebbe combattere Reuben, il gigantesco e pericoloso numero due di Mowat). E contentino sontuoso, come se non bastasse, si sta preparando una guerra di gangster di tutta la zona per cui McRae, che gli piaccia o no, sarà costretto a occuparsene a costo della vita. Insomma di botto Logan McRae si trova di fronte a tre problemi da affrontare grossi e pesanti come macigni: un killer in circolazione, un controllo professionale e una sanguinosa guerra tra gang.

A questo punto, però mi pare giusto ricordare che gran parte della trama si rifà a precedenti storie. Con per esempio Samantha la fidanzata di Logan McRae, in coma da tre anni, che compare all’inizio nella narrazione come se parlasse con lui. Niente di paranormale, stiamo semplicemente condividendo i pensieri del nostro eroe.

MacBride segue e sviluppa con destrezza le diverse linee della trama. McRae è di fronte a una difficile decisione. Ḕ arrivato il momento di staccare la spina che tiene in vita Samantha. Il cadavere trovato nella foresta sembra essere collegato a un paio di strani e viziosi uomini d’affari che devono molti soldi al gangster Malcolm 'Malk the Knife' McLennan. Reuben (ex vice di Mowat) incombe minacciosamente come un orco assetato di sangue. E, tanto per complicare di più la situazione, McRae è scombussolato dalla scoperta di un familiare stretto di cui ignorava l’esistenza…

Giallo indovinato sia per come MacRae e gli altri agenti riescano finalmente a scoprire l’assassino, ma soprattutto per la perfetta ricostruzione dell’ambiente locale con le difficoltà, gli odori e i suoni di una stazione di polizia provinciale di una cittadina scozzese. Con le problematiche del caffè, del tè, del latte che manca, dei computer antidiluviani e dei cestini di rifiuti che traboccano di cartacce e contenitori di cibo buttati via. Poi ci sono le battute al vetriolo dell’ispettore capo Steel, capo diretto di Logan. C’è la scena, meravigliosa, dove il sovrintendente Harper, che coordina le indagini, ha bisogno di mettere in evidenza gli appostamenti della squadra su una lavagna magnetica, ma tutto quello che ha a disposizione è una collezione di scombinati magneti da frigo. Per cui salta fuori il surreale dialogo: «Ricordami ancora, chi è la Torre Eiffel?» Logan controllò la lista. « Il team dell’ispettore Singh. Lei è il pinguino con il sombrero, Rennie la chiatta, il sergente Weatherford è il trenino Thomas…»

Insomma un romanzo, con tutte le tipiche stigmate MacBride che funziona bene, senza stancare mai, alla grande dall’inizio alla fine. C’è pathos, compassione, violenza a occhi aperti, gran senso dell’humour e, al centro di tutto lui, il protagonista: Logan Balmoral McRae.

Un libro che piacerà senz’altro e soprattutto ai fan di MacBride per le sue caratteristiche intrinseche: descrizioni precise, prosa diretta, saporita e piena di intrighi e complotti che poi è il sine qua non, insomma la garanzia del suo scrivere.

Stuart MacBride è uno dei più famosi scrittori scozzesi e con i suoi due detective seriali cult, Logan McRae e Ash Henderson, è famosissimo nel Regno Unito dove ha venduto milioni di copie ed è tradotto in tutto il mondo. La Newton Compton ha pubblicato: Il collezionista di bambini, Il cacciatore di ossa, La porta dell’inferno. E ancora La casa delle anime morte, Il collezionista di occhi, Sangue nero, La stanza delle torture, Vicino al cadavere e Scomparso. Dello stesso autore ha in catalogo: Cartoline dall’inferno, Omicidi quasi perfetti e Apparenti suicidi. MacBride ha ricevuto per Il collezionista di bambini il Premio Barry nel 2006 come miglior romanzo d’esordio, il CWA Dagger in the Library nel 2007 e l’ITV Crime Thriller nel 2008. Il suo sito è www.stuartmacbride.com.

Potrebbe interessarti anche: , Morgan Lost Dark Novels la nuova stagione del fumetto di Chiaverotti , Maurizio De Giovanni, il commissario Ricciardi a fumetti , Non stancarti di andare, capolavoro a fumetti di Teresa Radice e Stefano Turconi , Il cacciatore di terroristi, la storia vera di un padre che ha salvato il figlio dall'Isis , Dragonero, le novità sul fumetto fantasy al Lucca Comics

Oggi al cinema

Snowden Di Oliver Stone Thriller U.S.A., 2015 Nel 2013 Edward Snowden lascia con discrezione il suo impiego alla National Security Agency e vola ad Hong Kong per incontrare i giornalisti Glenn Greenwald e Ewen MacAskill, e la regista Laura Poitras, allo scopo di rivelare i giganteschi programmi di... Guarda la scheda del film