Libri Magazine - Venerdì 12 maggio 2017

Jo Nesbo: Sete e il ritorno di Harry Hole

di Patrizia Debicke van der Noot
© Facebook/ Jo Nesbo - Thron Ullberg

Magazine - «Harry Hole è tornato» recita la fascetta sulla copertina… Sete (Einaudi, 2017, 640 pagine, 22 Euro) di Jo Nesbo è l’undicesimo titolo del ciclo di Harry Hole e arriva dopo Polizia.

In occasione dell’uscita di Polizia (2013) Jo Nesbø dichiarò: ËQuesto libro potrebbe anche essere l’ultimo per Harry. Polizia sarebbe una buona conclusione per la serie. Ma non può esserne la fine». E infatti non lo è stata.

Sete narra, in 640 pagine “a tutta birra” (e non sono poche), del forzoso ritorno alle indagini di Harry Hole proprio quando, quasi a cinquant’anni, dopo aver mollato il lavoro sul campo accettando un incarico come insegnante alla scuola di polizia, si è tirato fuori dal gioco. Hole in tre anni non è cambiato: stessa voce calma, bassa, stesso volto segnato dalle rughe e marchiato da una profonda cicatrice fra bocca e orecchio, stessi occhi azzurri e stessi capelli biondi a spazzola con fili grigi alle tempie, ma finalmente ha chiuso con il bere.

Ha una grande e comoda casa di legno, in una bella zona residenziale che regge tutte le intemperie. Sono tre anni che non tocca una goccia di alcol, si è sposato con Rakel, ex giurista presso il Ministero degli esteri, bella donna, occhi e capelli scuri e segue il percorso scolastico del figlio della moglie, Oleg, 22enne, alto 1 e 90 con gran ciuffo nero, affezionato, intelligente, serio, suo allievo ormai arrivato all’ultimo anno di corso. Le sue notti sono diventate calme, riscaldate dal consueto calore della donna che ama. Ha chiuso completamente con gli incubi o almeno pare.

Insomma Harry Hole si era impantofolato, pensava di aver finalmente trovato l’equilibrio interiore. Tutto nella sua vita era tranquillo, sereno… Ma allora cosa lo costringe a tornare in azione?

Una dopo l’altra, due donne sono state trovate barbaramente uccise nella propria abitazione, e una terza ferita quasi a morte è in coma in ospedale. Uccise con morsi bestiali e dissanguate. Come se qualcuno avesse bevuto il loro sangue.

L’assassino, per colpire, si è servito di una dentiera di ferro uguale o simile a antichi e tradizionali attrezzi giapponesi usati nel Medievo dai soldati di un Mogul. Dentiere destinate soprattutto a spaventare, ma che venivano anche usate nei combattimenti corpo a corpo per mordere i nemici. Si sollecita la consulenza di esperti psichiatri, che ipotizzano che si tratti del comportamento di un serial killer “vampiro”. Un vampirista che uccide le donne per succhiare il loro sangue.

Katrine Bratt, ex assistente di Hole alla Crimini Violenti, occupa ora il suo posto di investigatore. I media, giornalisti e televisione, le rendono la vita dura, pretendono notizie e risultati: subito. La polizia deve fermare quello spaventoso serial killer assetato di sangue.

E anche di fronte a questo pandemonio, Harry non vorrebbe tornare a indagare, ma il suo ex capo, Mikael Bellman, che mira a occupare la poltrona di Ministro della Giustizia - e non sarebbe certo una passeggiata, anzi probabilmente dovrebbe rinunciarvi con tutto il clamore mediatico legato alla serie di omicidi e il dilagare della paura in città - lo coinvolge, ricattandolo e minacciando di tirare fuori i trascorsi adolescenziali di ex tossicodipendente del figliastro, che impedirebbero l’ingresso del ragazzo in polizia.

Harry Hole deve rinunciare al suo nuovo mondo, scendere in campo, formare una squadra e sconfiggere il vampiro. Presto le sue innate doti deduttive e la grande esperienza gli dicono che il suo pericoloso nemico potrebbe essere l’unico demone che gli è sfuggito in passato. Ormai Hole è implicato in un’indagine che si rivelerà la più pericolosa della sua carriera, mentre sua moglie combatte una dura battaglia contro una strana malattia. Oslo diventerà il suo terreno di caccia e di battaglia, con l’uragano Emilia in arrivo e che minaccia di sferzare la Norvegia.

Si scoprirà che le vittime, che sembravano scelte a caso, erano invece tutte frequentatrici di Tinder, sito per incontri di persone sole. Pare che il vampirista, lo pseudo vampiro insomma, indossi stivali da cow-boy. Forse qualcuno l’ha visto e potrebbe riconoscerlo? Leggere per sapere.

Atmosfere, mentalità e abitudini nordiche abbastanza lontane dalla nostra realtà. Suspence garantita e clima incandescente per un thriller decisamente azzeccato. 

Scopri cosa fare oggi a Magazine consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Magazine.

Oggi al cinema

Collateral Beauty Di David Frankel Drammatico U.S.A., 2016 A seguito di una tragedia personale, un importante dirigente di New York decide di vivere la sua vita senza più l’entusiasmo di una volta. A quel punto, alcuni suoi amici escogitano un piano drastico per evitare che perda interesse in ogni... Guarda la scheda del film