L’universo artistico di Oscar Saccorotti. Dipinti, incisioni, arti decorative Genova, IT

L’universo artistico di Oscar Saccorotti. Dipinti, incisioni, arti decorative - Wolfsoniana - Genova

03/11/2016

Da sabato 12 novembre a domenica 5 novembre 2017

© Oscar Saccorotti, Il cielo nella serra (donazione famiglia Solari)

Genova - Inaugurazione: 11 novembre, ore 18
Curata da Matteo Fochessati e Gianni Franzone, la mostra resterà aperta dal 12 novembre 2016 al 5 novembre 2017 con il seguente orario:

  • da novembre a marzo: da martedì a domenica 11.00-17.00; lunedì chiuso;
  • da aprile a giugno: da martedì a venerdì 11.00-18.00; sabato e domenica 12.00-19.00; lunedì chiuso.

Genova - Il 14 dicembre verrà presentato, presso il Munizioniere di Palazzo Ducale, alle ore 17.45, la pubblicazione che accompagna la mostra (Sagep Editori, Genova).

Genova - Oltre ai dipinti e alle incisioni, che hanno contribuito alla sua fama presso il grande pubblico, la ricerca di Oscar Saccorotti si articolò attraverso una poliedrica gamma espressiva che costituisce il suo complesso universo artistico, come esemplarmente testimoniato dagli apparati decorativi e dagli arredi del Pettirosso. La sua abitazione a Megli, sulle alture di Recco, infatti, non rappresentò solo la felice e compiuta applicazione del suo progetto di arte totale, ma anche l’emanazione diretta della sua versatile vena creativa, come puntualmente evidenziato da Federico Zeri in una sua lucida e approfondita nota critica sull’attività dell’artista.

La mostra alla Wolfsoniana - realizzata, in occasione del trentennale della morte dell’artista, grazie alla collaborazione dell’Archivio Saccorotti e arricchita dalle opere donate dagli eredi al Comune di Genova - intende documentare i differenti campi di intervento della sua complessiva ricerca, mettendo in evidenza la sua diversificata produzione nell’ambito delle arti decorative: la ceramica, con la quale plasmò vasi e stoviglie di uso comune, ma anche piccole sculture raffiguranti uccelli e anatre; il mosaico, tecnica che condivise con il fratello Fausto; i progetti di interior design, che si concretizzarono nella realizzazione di arredi e pannelli decorativi; la decorazione architettonica di esterni e interni, attività avviata ai primi del Novecento grazie alla collaborazione con Enzo Bifoli; i tessuti, eseguiti principalmente per la MITA di Mario Alberto Ponis, cui fu legato da una sincera e duratura amicizia; la fabbricazione di giocattoli che, dopo le prime realizzazioni eseguite insieme a Fausto nel negozio-abitazione di via Cabella, lo portarono all’invenzione (brevettata) dei suoi celebri aeroplani giocattolo.

Proprio queste esili creazioni, assemblate con piume d’uccello e attinenti ad alcuni tra i principali interessi di Saccorotti (la caccia, l’osservazione del mondo naturale e l’aviazione), rappresentano un esempio emblematico del suo ricco universo artistico, caratterizzato da temi ricorrenti ma sempre declinati attraverso differenti attitudini espressive e linguistiche. Come ebbe a scrivere Zeri, dopo essere stato in visita al Pettirosso, Saccorotti fu «un artista, per il quale la vita, l’arte, la casa, la natura che lo circonda parole, le incisioni, i quadri si fondevano in un qualche cosa di unico, in un insieme, per cui io non riuscivo più a staccare la parola di Saccorotti, il suo modo di muoversi, dalle piante che circondavano la casa, la casa che sembrava qualcosa di sorto dal terreno come se avesse delle radici al pari degli olivi, una cosa davvero impressionante. Mi trovai davanti a quella che chiamerei la vita come poesia, la poesia come vita, qualche cosa di assoluto, di assolutamente puro».

L’esposizione presenta un’ampia selezione dell’intensa attività artistica di Saccorotti, privilegiando in particolare le sue ricerche nel campo delle arti decorative, documentate, ad esempio, da mosaici, come Composizione in grigio (1962) e L’airone (1968), da tessuti disegnati per la MITA come complementi d’arredo o pannelli decorativi, e da numerose opere in ceramica, sia vasi decorati con i suoi caratteristici motivi iconografici, sia le sue anatre e i suoi uccelli, realizzati in una vasta gamma di dimensioni. La sua cospicua produzione nell’ambito dell’incisione è presentata attraverso alcune tra le sue più note acqueforti, come Paesaggio d’Albaro (1967), Serre sotto la neve (1967), Licheni. Omaggio a Camillo Sbarbaro (1978), Uragano sulla palude (1979) e Capra coricata (1982). La sua attività pittorica è infine proposta in mostra attraverso alcune celebri opere che spaziano lungo tutta la sua lunga carriera artistica, da L’albero o Paesaggio d’Albaro del 1921 a La sposa del 1958, sino al capolavoro assoluto della sua pittura: l’olio Il cielo nella serra del 1976 che, incluso tra le opere donate dagli eredi al Comune di Genova, fu celebrato dallo stesso Zeri nello scritto qui sopra ricordato.

C.S.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 24/09/2017 alle ore 10:35.

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Valerian e la città dei mille pianeti Di Luc Besson Fantascienza Francia, 2017 Valerian (Dane DeHaan) e Laureline (Cara Delevingne) sono agenti speciali per il governo dei territori umani incaricati di mantenere l'ordine in tutto l’universo. Valerian ha in mente molto di più che un semplice rapporto professionale con Laureline,... Guarda la scheda del film