Venerdì della cultura al Creamcafe

Da venerdì 10 febbraio a venerdì 26 maggio 2017 Guarda l'evento

Attualità Genova - Martedì 7 febbraio 2017

Cream Café a Palazzo Ducale: i venerdì della cultura

© www.pexels.com

Il Cream Café è un luogo di confronto e scambio per chi soffre o vede soffrire i propri cari di disagi legati alla mente.

Il progetto Creative Mind Café, o Caffè della Mente Creativa, nato in collaborazione con la Fondazione Palazzo Ducale, ha lo scopo di preservare per quanto possibile le attività cognitive cerebrali di persone con e senza disturbi cognitivi, partendo dal presupposto scientifico che lo svolgere attività cognitive potrebbe ritardare la comparsa dei sintomi legati alle malattie cronico degenerative cerebrali come l'Alzheimer, permettendo a tutti di parlarne più liberamente, senza la vergogna e il terrore che le circondano.

Il Cream Cafè, che ha sede a Palazzo Ducale, in piazza Matteotti 72/74, ospita anche attività dedicate a singole persone malate di Alzheimer. Oltre ai molteplici laboratori che si svolgono durante la settimana, ogni venerdì, alle 16.30 e fino alla fine di maggio 2017, l’associazione si apre alla città con conferenze, presentazioni, incontri tematici, proiezioni e dibattiti. Le conferenze sono aperte a tutti e a ingresso libero. Leggi il programma completo degli appuntamenti al Cream Café di Palazzo Ducale.

Il Cream Cafè è uno spazio aperto a tutti, un luogo in cui le persone che vogliono provare a mantenere attive le proprie capacità cognitive trovano diverse attività, dalla conversazione informale, alla pittura, alla musica, agli incontri più strutturati e specifici che cercano di ottenere lo scopo desiderato. È anche il posto dove le persone che soffrono di disturbi cognitivi e chi le assoste possono, frequentando gli stessi laboratori, avere informazioni precise sulle malattie che portano a perdere le funzioni cognitive e su come assistere un malato; si creano così le condizioni per un miglioramento della qualità di vita e per costruire una comunità che abolisca le distanze prodotte dalla malattia.