Food Genova - Mercoledì 3 agosto 2016

Qual è la granita più buona a Genova?

di Adele Firpo
Granita al limone
© Shutterstock

Nell'articolo qui sotto proponiamo alcune idee per bere una buona granita a Genova. Conosci altre realtà? Segnalacele scrivendo a redazione@mentelocale.it.

Tutto è iniziato con lo sherbet, ricetta arrivata in Sicilia ai tempi della dominazione araba sull'isola. Si tratta di una bevanda ghiacciata aromatizzata con succhi di frutta o acqua di rose. I siciliani cominciarono a raccogliere la neve durante l'inverno e a stivarla nelle nivieri, costruzioni in pietra erette sopra grotte naturali o artificiali; in estate veniva prelevato il ghiaccio, che veniva poi grattato e ricoperto di sciroppi di frutta o di fiori: una preparazione diffusa fino a inizio ‘900 con il nome di rattata (grattata).

Risulta difficile immaginare un processo del genere per produrre la granita dei giorni nostri. Tuttavia gli ingredienti e la ricetta sono rimaste le stesse. In quanto a granite la Liguria non è certo la Sicilia, mase ne possono trovare di gustose anche qui, nel regno della focaccia e del pesto. Che ne dite, ad esempio, di una freschissima granita al basilico? Dopo i nostri consigli sul gelato migliore a Genova, abbiamo chiesto agli abitanti della Superba qual è secondo loro la granita più buona a Genova.

Martina, 34 anni, ha un appuntamento fisso al Pisacane: «Lavoro in zona Foce e per me no c'è una granita migliore di quella: i gusti sono tanti e particolari: dal pompelmo rosa al maracujà, dalla mela verde fino al cocco rhum. Così ogni volta ne assaggio uno diverso».

Lorenzo, 25 anni, indica come obbligatorio un salto da Capriccio, in piazza Matteotti: «I sorbetti e le granite artigianali sanno di frutta per davvero e non di sciroppo. Consiglio il gusto amarena, con fichi o limone e scorzetta».

«In una serata in dolce compagnia, a guardare le luci della città e i tetti dall'alto, l'atmosfera diventa ancor più romantica con in mano un bicchiere di granita di Don Paolo, a spianata Castelletto», afferma sognante Alice, 28 anni. Un angolino di Sicilia a Zena, dove assaporare la vera granita siciliana, da sola o nella brioche, con o senza panna.

«Girovagando per il centro storico, in un modo o nell'altro, d'estate e d'inverno, si finisce sempre alla Cremeria delle Erbe», precisa Antonio, 30 anni, che continua: «Amo le sue granite perché sono dense dense; e poi i sorbetti alla frutta... Che bomba! Da provare assolutamente il genovesissimo sorbetto al profumo di basilico».

Vittoria, 56 anni, fa la besagnina, e considerato il suo mestiere non può che adorare il vero sapore della frutta. Per questo al sondaggio risponde: «Da qualche tempo ho scoperto Fruit & Ice Cream Factory, in via San Lorenzo, dove puoi comporre tu stesso il bicchiere, scegliendo gli ingredienti che vuoi: io adoro il mix pesca, melone e anguria». Granite, frullati di frutta o verdura con ghiaccio, latte o yogurt, centrifughe e smoothy.

Un altro must firmato Sicilia ce lo consiglia Marco, 32 anni: «Il Siculo, in via Trebisonda, macina granite da favola, da godersi rigorosamente con una brioche calda, come vuole la tradizione».

Noi abbiamo chiesto a un piccolo campione per la granita più buona a Genova, e sicuramente ne manca qualcuna. Scriveteci e consigliateci la vostra preferita.