Genova - Lunedì 25 luglio 2016

Vintage a Genova: negozi per lui e per lei in centro storico

Vintage
© shutterstock
Altre foto

Conosci altri negozi vintage in giro per Genova? Segnalceli scrivendo a redazione@mentelocale.it.

Genova - «Il vintage non va confuso col semplice usato: indossare un capo vintage significa aver addosso un pezzo di storia», sottolinea Andrea Costigliolo, titolare di Man and the city, negozio vintage a Genova. Questa è una distinzione fondamentale per divenire consapevoli dell'unicità di questi pezzi. Da fine '800 all'età odierna, surfando sulle tendenze e gli stili degli anni '50, così come su quelle degli '80.

Per ispirarvi, pensate alle celebs del passato. Una collana di perle e un cappello vistoso, in pieno stile Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany. O un look maschile anni '70, come quello sfoggiato da Diane Keaton nelle pellicole di Woody Allen, impeccabile in pantaloni, gilet e cravatta. Occhialetti tondi alla John Lennon. E poi ancora, gonne a ruota, vestiti di sartoria e chiffon, volant e balze, frange, pizzi e crochet.

Abbiamo gironzolato tra alcuni dei negozi vintage di Genova che, come gemme preziose, si celano in salite e vicoletti del centro storico.

  • Almanacco (via dei Macelli di Soziglia 39r)
    Una vera istituzione del vintage a Genova, aperto nel 1979 e da allora fedelissimo alla stessa linea. Mi accoglie Silvia, che lo ha rilevato negli anni '80, senza mai discostarsi dalla sua filosofia: «Almanacco è per chi ama le cose belle e uniche, e non il finto vintage proposto oggi dalle grandi catene d'abbigliamento». Lei si dichiara innamorata degli anni '60 e '70, ma non mancano in negozio anche alcuni pezzi dei decenni precedenti. Abitini di sartoria dell'epoca, da sera, sbarazzini e con frange, giacche e cappotti, gonne, camicette e pantaloni colorati, tante borse e scarpe, dalle zeppe, ai mocassimi fino agli stivali nella stagione invernale, pochi bijoux. Il target della clientela spazia dai 15 agli 80 anni e oltre, senza distinzioni tra donne e uomini, perché il buon gusto non conosce genere.
  • Betty Page Boudoir (via Luccoli 53r)
    Un laboratorio di ricerca vintage a tutto tondo, che affianca al second hand il contemporaneo, includendo abiti, scarpe e accessori da fine '800 fino agli anni '90. Fiorella pratica una vera e propria caccia nei Paesi, selezionando fornitori esclusivi e di nicchia, in Turchia, Libano, Grecia, Australia, Nord Europa e molto altro. Per esempio, confeziona vestiti per Betty Page Irina Schrotter, nota designer della Romania. Non manca neanche l'artigianato italiano, poiché nel reparto accessori sbrilluccicano i bijoux di Caterina Mariani. «Rivolgiamo l'attenzione soprattutto al mondo della moda e al teatro, svolgendo attentissime selezioni per le passerelle con stilisti di spicco come Valentino». L'outfit è esclusivamente femminile.
  • Borotalco (via Canneto il Lungo 74r)
    Piccolo negozietto che celebra magistralmente gli anni '80, dove ogni pezzo viene scrupolosamente selezionato da Alessandra, la titolare. Qui è facile scovare appesi alle grucce diversi tipi di giacche con maniche a pipistrello, camicette e vestitini colorati, leggins fantasia e pantaloni, rigorosamente a vita alta, in jeans e a palloncino. «Questi ultimi sono i miei preferiti», confessa Alessandra, che ne indossa un paio bianchi - deliziosi! - anche al momento del nostro incontro. E ancora, borsette, occhiali, foulard e accessori di vario tipo. Accanto anche le proposte per uomo, che comprendono un ricco assortimento di giacche, da quelle di pelle ai blazers anni '70, fino a quelle di jeans con le maniche arrotolate.
  • Man & the city (via di Ravecca 51r)
    Più che un negozio pare un salotto elegante e raffinato. Ad accogliervi, garbato e sorridente, c'è Andrea, un vero esperto del settore, che ha fatto suo il periodo tra gli anni '50 e i '70. Qui i capi provengono direttamente da sartorie, teatri, vecchie botteghe e magazzini dell'epoca, scelti accuratamente da lui stesso: «Il vintage è un lavoro di ricerca certosino anche per chi lo indossa, che ricerca la differenza nei tagli, nei tessuti e in ogni singola piega». L'impostazione è maschile, ma da circa un anno Man and the city è anche per donna: «Vestire l'uomo per me è stata una vera e propria sfida. Le donne, invece, sono più aperte e pronte a rischiare». Il negozio fornisce i costumi di scena a molti teatri e anche al cinema: per esempio ha vestito i protagonisti de I 4 Garibaldini Bianchi, cortometraggio noir di Igor Chierici. A breve collaborerà anche con agenzie di moda a Milano.
  • Papillon boutique (salita della Tosse 8r)
    Musica, colori e stile urban in cima a una traversa di San Vincenzo: sorride a tutti gli avventori Giuseppe, titolare di un negozio che attira ragazzi e ragazze come il miele per gli orsi. Infatti, come mi spiega lui: «Il negozio offre un vintage rimodernato, reso più frizzante, più vogue. E poi qui creiamo e modifichiamo cose a richiesta». Per esempio, maglie, jeans, papillon, di legno, stoffa o altro, borse, zaini e un abbondante repertorio di scarpe Converse, particolari e multicolor. Spicca all'ingresso una splendida macchina da cucire, tra aghi e stoffe varie, in continua operatività. Il second hand, che spazia dagli anni '30 ad oggi, è accompagnato dal contemporaneo.
  • USAto USA (vico del Fieno 13r)
    Come s'intuisce dal nome, acuto gioco di parole, il negozio al momento dell'apertura vendeva esclusivamente capi americani: negli anni si è arricchito di pezzi unici internazionali, inglesi, francesi, tedeschi e anche italiani. Raimondo, al centro del suo locale dal volto underground (data la scarsa illuminazione), dichiara con voce fiera: «Da grande conoscitore d'abbigliamento maschile, seleziono prevalentemente capi da uomo, come giacche sportive, da moto o da caccia, chiodi di pelle, camicie in stile texano o impermeabili inglesi. Non manca però qualche chicca da donna, che non mi lascio sfuggire, come abiti di sartoria o di marche come Dior». Il suo cliente tipo si aggira sulla cinquantina, è cultore del settore, ma non mancano i ragazzi che, magari capitati lì per caso, si appassionano dei suoi pezzi e non se ne separano più.

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Amore, furti e altri guai Di Muayad Alayan Commedia Palestina, 2015 Mousa, ladro di auto palestinese, si trova in difficoltà quando ruba la macchina sbagliata. Quella che pensava fosse un'auto israeliana ed un modo semplice per fare soldi nel suo campo profughi impoverito, risulta essere un carico di sfortuna quando... Guarda la scheda del film