Mostre Genova - Giovedì 5 dicembre 2013

I segreti dei vicoli di Genova: il blog di Antonio Figari

di Angela Ferrari
Molti di voi avranno visto questo segno sui muri di Genova. Antonio Figari vi racconta cos'è
© Antonio Figari

Genova - Un'ottima affluenza di pubblico ha caratterizzato la visita alla Grotta Doria, organizzata lo scorso 24 novembre da Antonio Figari, ideatore e autore del blog I segreti dei vicoli di Genova. Quasi 150 i visitatori accorsi a Palazzo del Principe in una sola mattinata per conoscere l'autore e scoprire la Grotta collocata in quello che fu un tempo il giardino settentrionale del Palazzo, e che lui stesso definisce una delle sette meraviglie di Genova, un tesoro straordinario purtroppo ancora largamente sconosciuto, aperto al pubblico solo nelle rare occasioni di visite speciali o visitabile su appuntamento.

E così, dopo una dettagliata visita del Palazzo e dopo aver percorso strade della città mai percorse prima, arriviamo alla Grotta, dove si apre un mondo fatto di decorazioni in conchiglie, coralli, tessere di maiolica, ciottoli, cristalli e frammenti di stalattiti naturali, da cui prendono forma episodi marini attraverso un mosaico polimaterico di straordinaria ricchezza e di incredibile bellezza.

Grazie alle guide, preparate non solo sulla storia di Genova e del suo patrimonio, ma anche ad accogliere il pubblico arrivato in occasione della visita, scopriamo così che Genova, insieme a Roma e Fontainebleau, è stata una delle capitali della moda cinquecentesca della grotta artificiale, meraviglia inserita tra le delizie del giardino aristocratico per allietare l'otium del proprietario e dei suoi ospiti.

Ed è proprio con la visita alla Grotta Doria che Figari ha deciso di festeggiare il traguardo, ormai già largamente superato, delle 100 mila visite al suo blog. Ma non si ferma qui: le sue attività e le collaborazioni con il territorio proseguono: proprio in questi giorni, in occasione del Mercatino di San Nicola, sta realizzando un calendario tutto genovese con storie e foto provenienti dal suo blog, e per il weekend sono già in programma due giornate di tour alla scoperta dei segreti del centro storico, iniziative il cui ricavato verrà interamente devoluto in beneficenza.

Antonio è un appassionato studioso di Genova, della sua storia e dei segreti che racchiude. Non perde occasione per addentrarsi nei vicoli, alla continua scoperta delle meraviglie nascoste o alla ricerca di quei tesori segreti di cui ha letto o sentito parlare, ma di cui oggi non sappiamo quasi niente e che in larga parte non sono nemmeno visitabili. Suona agli abitanti dei palazzi alla ricerca di una fonte, di un laggione o persino di una bomba, e a chi non si spaventa ad aprirgli racconta la storia segreta di quell'angolo della città.

Osserva affascinato una torre, incontra gli abitanti che vivono nei luoghi di cui scrive, sale sui campanili, fotografa i vicoli all'alba e al tramonto, e poi condivide in rete con i suoi fan questi tesori segreti di Genova, per metterli finalmente a disposizione dei suoi abitanti (e non solo) affinché, come lui, se ne innamorino. Scrive a ogni ora del giorno e della notte, perché per il suo blog, la sua pagina facebook e il suo profilo twitter non esistono giorni festivi né orari di pausa. Ed è così che puoi leggere un aggiornamento di stato in piena notte, anche di sabato, o trovare al risveglio la foto di una bellissima alba sui vicoli che non ti aspetti. Antonio non si stanca mai di condividere le sue storie e le sue foto, né di incontrare chiunque possa dargli maggiori informazioni sui luoghi di cui scrive.

È felice di ricevere segnalazioni. È curioso, appassionato, interessato. La sua sete di conoscenza e il suo spirito di osservazione lo portano a scoprire e a condividere con tutti i tesori segreti di cui viene a conoscenza. Le porte, le torri, le mura, le chiese, i campanili, gli oratori e le casacce, l'acqua pubblica, i fantasmi, le pietre parlanti, le botteghe storiche, i proverbi genovesi, i palazzi privati, gli edifici pubblici, i teatri storici, i poeti, i santi, gli scrittori e gli avventurieri, i risseu e i laggioni, la Genova sotterranea, la vita nei vicoli nel 1831 e le edicole votive sono gli argomenti trattati, su cui si sviluppa il suo blog. 

Mi sono trovata a girare con Antonio per i vicoli, e con lui ogni angolo della città diventa improvvisamente una scoperta, ogni portone un'occasione per parlare con qualcuno, ogni palazzo una storia nuova. Per questo ho voluto che fosse lui stesso a raccontarci qualcosa su questa sua esperienza, un progetto nato per caso da una grande passione, che sta incontrando un successo sempre crescente e che può davvero aiutare Genova a farsi riscoprire, e i suoi abitanti a ritrovare la voglia di scoprirla.

Quando e come è nato il blog?
«L'idea è nata per caso una sera tra Natale e Capodanno 2011. Pioveva ed ero a casa. Iniziai a leggere un libro di un anonimo viaggiatore che nell'Ottocento giungeva a Genova e rimaneva affascinato dalla bellezza di questa città. Cominciai così a cercare i luoghi descritti nel libro su internet, ma non vi era quasi nulla. La mia ricerca si estese allora ad antichi libri. Diedi vita così al mio viaggio virtuale alla scoperta dei segreti dei vicoli. L'idea di creare un blog rimase nella mia testa come un tarlo per qualche tempo. Iniziai così a pensare che non sarebbe stata una brutta idea raccogliere tutto quello che pian piano scoprivo sui vicoli di Genova in un blog affinché anche altri potessero conoscere quello che scoprivo. A marzo 2012 lanciai il mio sito, cominciando a diffonderlo tra i miei amici su Facebook e in seguito creando una pagina apposita sempre su facebook e poi un profilo su Twitter. Le tante visite ricevute di lì a poco mi hanno permesso di entrare nella top 100 dei siti di cultura più visitati in Italia. Son contento di questo risultato e sopratutto che la gente grazie al mio sito possa appassionarsi e iniziar a comprendere la bellezza e l'unicità del patrimonio racchiuso nel centro storico di Genova. Il blog si presenta come una breve guida, divisa per pagine, in cui ogni pagina descrive un aspetto dei vicoli: il tutto è quindi strutturato come una passeggiata virtuale nella quale descrivo brevemente ciò che visito, documentando il tutto con foto e riferimenti a fatti storici, alla scoperta di ciò che dei vicoli mi colpisce di più ed è poco conosciuto e lontano dai normali circuiti turistici».

Perché un blog proprio sui vicoli di Genova?
«Fin da piccolo mi è sempre piaciuto addentrarmi e perdermi nel dedalo dei vicoli di Genova, un vero e proprio labirinto cittadino. La cosa più bella è scoprire che ogni vicolo nasconde in sé un tesoro: un portale di un antico convento, un bassorilievo in ardesia o marmo, oppure un portone di un antico palazzo che aprendosi svela la bellezza di antichi cortili o scaloni di marmo affrescati dai migliori artisti di ogni epoca. I vicoli di Genova sono così: nascondono bene i loro tesori e solo l'attento osservatore  riesce a coglierli. Lo vedo quando pubblico storie e foto sul mio sito: spesso mi arrivano mail o commenti del tipo: Abito qui ma non sapevo nulla di ciò che racconti. Ed è un vero peccato che coloro che vivono nei vicoli in primis non conoscano le meraviglie che il nostro centro storico nasconde. Solo sapendo quali tesori la nostra città nasconde potremo difenderli e valorizzarli.Lo scopo del mio sito è proprio questo: raccontare i vicoli nei loro aspetti meno conosciuti, far conoscere a tutti quanto straordinario sia il patrimonio artistico del centro storico di Genova le cui pietre sono mute testimoni della storia millenaria della Superba e nascondono dentro di loro storie di antichi casati nobiliari, di guerre e congiure, di fantasmi e spiriti di gente che visse e morì, spesso di morte violenta, nei caruggi».

Quali sono tre luoghi di Genova che segnaleresti dal tuo blog?
«I campanili (Vigne, Santa Maria di Castello, San Lorenzo, Carmine per il momento) nella pagina de i campanili di Genova, luoghi inaccessibili al pubblico che son riuscito a scalare grazie alla benevolenza di sacrestani e parroci, luoghi  dalla cui cima si può osservar tutta la città ed i suoi vicoli da un inedito punto di vista.
L'oratorio di Sant'Antonio Abate sotto piazza Sarzano, nella pagina de gli oratori e le casacce che conserva la splendida cassa processionale con San Giacomo Maggiore che abbatte i Mori con figure a grandezza naturale, di Pasquale Navone, proveniente dall'oratorio di San Giacomo delle Fucine, demolito nel 1872 per il tracciamento di via Roma; essa anticamente veniva portata in processione e dato il suo peso ci volevano 36 persone per portarla a spalle.
La grotta Doria, nella pagina de la Genova sotterranea, grotta dell'Alessi interamente ricoperta di conchiglie e piccole maioliche, una delle meraviglie meno conosciute e valorizzate di Genova, forse la cosa più straordinaria che ho visto in questi anni nei miei giri per i vicoli di Genova».

In meno di due anni il blog ha già avuto quasi 135 mila visite, la pagina Facebook si sta rapidamente avvicinando ai 2mila like e il profilo Twitter ha quasi 1.000 follower. Un successo che ci fa capire che Genova è una città piena di tesori nascosti, che può essere continuamente scoperta e amata. Se siete curiosi di conoscere le meraviglie dei vicoli, e soprattutto di rimanere aggiornati sulle nuove iniziative di Antonio Figari, vi invito quindi a seguire il suo blog: www.isegretideivicolidigenova.com, oltre alla pagina su Facebook e il profilo su Twitter, per non perdere nessuno dei segreti che ha ancora da svelarci.

E facendo riferimento a una bellissima citazione che troviamo nella prima pagina del blog, tratta dalle Impressioni italiane, il diario di viaggio che Charles Dickens scrisse in occasione del suo lungo soggiorno nel nostro paese, si può ancora affermare - quasi due secoli dopo - che Genova è un luogo che non si finisce mai di conoscere. Sembra che ci sia sempre qualche cosa da scoprirvi. Per andare a passeggio, ci sono i sentieri e i viottoli più straordinari: vi potete perder per strada (che piacere quando uno non ha niente da fare!) venti volte al giorno, se lo desiderate, e ritrovarla in mezzo alle difficoltà più sorprendenti e più inaspettate. È ricco dei più strani contrasti: ad ogni svoltata, vi si presentano allo sguardo cose pittoresche, brutte, abbiette, magnifiche, deliziose e gradevoli.

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Pirati dei Caraibi La vendetta di Salazar Di Joachim Rønning, Espen Sandberg Azione, Avventura U.S.A., 2017 Catapultato in una nuova e travolgente avventura, lo sventurato Capitan Jack Sparrow vede peggiorare la propria sfortuna quando dei letali marinai fantasma fuggono dal Triangolo del Diavolo guidati dal terrificante Capitano Salazar e decisi a uccidere... Guarda la scheda del film