Ricami di luce. Paillettes e lustrini nella moda di Palazzo Morando 1770-2004, mostra

Palazzo Morando Costume Moda Immagine

Via Sant'Andrea, 6

Milano

02 88465735

Guarda sulla mappa

 / 

Descrizione

Mostra a cura di Gian Luca Bovenzi, Barbara De Dominicis e Ilaria De Palma, che rende omaggio al lavoro di catalogazione di costumi e accessori appartenenti alle Civiche Raccolte Storiche che seguì, dagli anni Settanta, la studiosa ed esperta di costume e moda Grazietta Butazzi.

Le sale del primo piano accolgono oltre venti abiti, molti dei quali inediti, databili dal 1770 al 2004, appartenenti alle collezioni del Comune di Milano e conservati a Palazzo Morando | Costume Moda Immagine. Attraverso l’esposizione di abiti femminili, ma anche maschili, è possibile ripercorrere la storia dei preziosi dischetti, della loro lavorazione - dall’utilizzo del metallo nei secoli passati, alle diverse e numerose varianti novecentesche (prima in gelatina animale, poi in cellulosa e in PVC o in materiali sintetici) – e di oltre duecento anni di storia dalla moda: dalle opulente e preziose vesti degli ultimi decenni del Settecento, al poco noto abito ancora da confezionare, databile al 1804-1805, che si vuole essere appartenuto a Elisa Baciocchi, sorella di Napoleone.

Il secolo più rappresentato è il Novecento che si apre con i ricchi vestiti della Belle Époque, per proseguire con i raffinati e apparentemente semplici anni Venti o gli spumeggianti anni Cinquanta. Alle generose forme di questi anni, nei decenni successivi si prediligerà una femminilità più esile e dinamica, simbolo di una nuova concezione di società, che si riflette anche negli abiti ora estremamente vivaci o colorati, o di contro carichi di riferimenti culturali e artistici. Un percorso che appare ancor oggi estremamente vivace e ricco di suggestioni, ben illustrato dall’abito di Roberto Cavalli, donato al Museo nel 2011, e quello di Giorgio Armani concesso in prestito al Museo dalla Casa di moda milanese in occasione della mostra.

Orari: da martedì a domenica, ore 9.00-13.00 e 14.00-17.30 (ingresso col biglietto del museo). Per info: 02 88465735.