Christiania. A Copenhagen la città degli hippie è ancora libera

Christiania

Christiania © Laura Guglielmi

Una comunità di mille persone che si autogestiscono ogni giorno. Dove le tasse non si pagano e le auto sono proibite. Laura Guglielmi nel regno delle biciclette, delle canne e dei sogni

 /  / 

Mercoledi 19 agosto 2015

LO SPUNTO DI LAURA GUGLIELMI

Tutti i mercoledì su mentelocale.it


Lo spunto di Laura Guglielmi è anche su Facebook, iscriviti al gruppo


Martedì primo settembre dalle 12 alle 13 sintonizzatevi su RadioCapital. Durante il programma Capital in the world, dedicato a viaggi, tradizioni e avvenimenti dal globo e condotto da Doris Zaccone, la nostra direttora, Laura Guglielmi racconterà della comunità hippie di Christiania e delle sue curiosità.

Non ha uguali in Europa, è basata sull’utopia della condivisione e della solidarietà, dell'uguaglianza e della libertà. Parlo della città libera di Christiania a Copenhagen, l’ultima comunità hippie di grandi dimensioni. Ne avevo sentito parlare fin da adolescente, ma non sapevo esistesse ancora. Me ne avevavo raccontato stranezze e stravaganze. In molti negli anni ­mi avevano detto che stava diventando turistica e commerciale, una specie di Montmartre. Poi più nulla, è sparita dal mio orizzonte.

L’amica Marianne, norvegese, quando stavo preparando le valigie per Copenhagen mi ha detto: «Devi assolutamente andare a Christiania, anche se non è più quella di una volta».
Non me lo sono fatta ripetere due volte e, nei miei tre striminziti giorni nella capitale danese, ho passato un pomeriggio intero nella città libera, fino a notte. Nel mio immaginario si confondeva un po’ con Bussana Vecchia, a Sanremo, paese terremotato nell’Ottocento, e poi occupato da artisti e anarchici negli anni Sessanta.

Occupata e fondata nel 1971 in una zona militare abbandonata nel quartiere di Christianshavn, è una parte della città dove non si pagano le tasse e che ha leggi proprie. Una comunità non virtuale, che sopravvive, si evolve di continuo e si adegua ai tempi nuovi, nonostante i numerosi attacchi negli anni da parte delle istituzioni danesi. Ben mille persone ci vivono stabilmente, inventandosi ogni giorno un nuovo modo di affrontare tutti insieme le mille insidie della quotidianità.

Appena varchi il confine te ne rendi subito conto, già si respira un’aria diversa. Ti avverte una scritta posta in alto (vedi foto d’apertura) e ti imbatti subito in un'atmosfera surreale, molto distante da quella del quartiere trendy e di lusso che la assedia da tutti i lati. C'è un gran movimento di abitanti, tanti i turisti di ogni età, un guazzabuglio di murales, di magazzini in ristrutturazione, case di legno colorate, bambini e adulti che pedalano tranquilli, perché una delle più belle cose di questo quartiere è che le macchine sono proibite. Ci sono anche ristoranti abbastanza eleganti, molti vegetariani, gallerie d'arte, atelier, laboratori di artigiani. E un lago molto bello, con ponti in legno, e panchine. Circondato dal verde.

Un piccolo incidente mi succede mentre sto entrando in Pusher Street, la strada dove si vende l'hashish. Sono talmente infervorata a fare le foto con il mio cellulare, per poi scrivere questo piccolo reportage, che non mi accorgo della presenza di un enorme cartello minaccioso con su scritto: «è proibito fare foto». Vengo redarguita pesantemente, e ci credo, stanno vendendo il fumo. Quindi cercate di immaginarlo quello che vi sto per raccontare, perché ho messo il cellulare in tasca. Prima lo potevano smerciare liberamente, ma da quando il governo ha cercato più volte di vietarlo, ora i venditori indossano i passamontagna e anche le loro baracchette sono nascoste da teli. Un'atmosfera un po' inquietante, sembra di essere in una zona di guerra. Però poi un cartello rassicura: «Chiunque vende e consuma droghe pesanti a Christania verrà cacciato immediatamente». Insomma, ora, per vendere l'hashish, una cosa che ha sempre caratterizzato la comunità, devono coprirsi. E facciamocene una ragione.

Superata Pusher Street si arriva in una piazza piena di baretti, sormontata da una collina, dove stanno seduti tanti giovani. Anche molti italiani che si fanno le canne, e riesco a rubar loro qualche confessione su quanto è duro vivere in Italia e che presto si trasferiranno definitivamente all'estero. Mi viene un po' di tristezza, mentre mi avvio verso la parte residenziale di Christiania. Ma il malumore mi passa subito, un tuffo nel passato, con casette in legno straordinariamente belle, di tutte le forme e i colori. Giardini ben tenuti, piante e fiori di una bellezza rara.
Raggiungo il canale e dall'altra parte si ergono superbi presuntuosi e alteri i nuovi condomini trendy di Christianshavn. Ora capisco bene, perché vogliono liberarsi della città libera di Christiania. Questi terreni profumano quattrini.

Gli abitanti si sono anche inventati la Christiania Bike, che è in commercio e la si può comprare anche su internet. Ha un enorme scatola davanti (si chiama cargo), altro non è che un piccolo carro agganciato, dove portare i bambini, la spesa o qualunque cosa si voglia. Copenhagen è la città europea con più ciclisti e questo ne fa già un gioiello.

Tutt'a un tratto vedo un ragazzo che spulcia vestiti in una baracchetta, mi fermo a guardarlo. Trova un giaccone blu con il cappuccio di pelo – fa davvero freddo anche se siamo a luglio – se lo mette addosso, inforca la bici e se ne va. Un cartello avvisa che questo è il negozio del libero scambio. Ci porti quello che non ti serve e prendi quello di cui hai bisogno. Senza tirare fuori il portafogli. Un tempo si chiamava baratto.

Finisco la mia visita in un ottimo ristorante vegetariano, qui il vino – carissimo in Danimarca – costa come da noi. Pian piano la luce estiva del nord diventa sempre più tenue, nel giardino diventa freddo, mi metto il giaccone. E mi sento come se fossi a casa mia. Sono sempre felice quando trovo qualcuno che sperimenta percorsi diversi, figuriamoci se a farlo è un'intera comunità composta da mille persone. E che lo fa da più di quarant’anni.

Approfondisci

A Christiania, Copenhagen: non è più quella di una volta mi dicono, ma è!

Questo il mio post su Facebook, corredato con una ventina di foto (quelle che trovate nella fotogallery allegata a questo articolo), che ho fatto il giorno che ho visitato Christania, era la fine di luglio.

E questi alcuni tra i commenti:

Cesare: Nella patria di Kierkegaard, Thorvaldsen, Jorn, Blixen, Andersen e Lars von Trier.

Io: E di Amleto e Ophelia!

Marco: Bellissima!
Io: Christiania, la volevo vedere una volta nella vita!
Elena: Ma non l'avevano chiusa qualche anno fa??
Laura: No no Elena. È ancora viva e vegeta. Anche se agli speculatori quella area fa gola tantissimo. Dall'altra parte del canale hanno costruito tantissimi edifici con un ottimo design contemporaneo. Mentre a Christiania ci sono ancora delle bellissime casette di legno colorate, immerse nel verde, che sembra di essere nel secolo scorso.

Nadia: Ci sono stata l'anno scorso... Adoro Copenaghen. Me ne sono innamorata!
Aldo: Anche per me è stato molto interessante visitare il territorio libero di Christiania. A Cesare mi permetto di suggerire di aggiungere all'elenco dei personaggi danesi il nome di Susanne Bier. Il suo cinema è notevole.
Io: Vero Aldo! Pensavo fosse una delusione, un luogo solo ormai turistico. E invece ha conservato un po' della sua genuinità! Faceva parte dei posti che volevo vedere prima che scomparissero, come Cuba, e invece non sono scomparsi né una ne l'altra:­) Baci

Liliana (alludendo alle fotografie postate, che ora sono nella fotogallery): Non hanno paura dei colori, lì.
Io: Se dici così devi venire una volta a trovarci a casa, Liliana!
Antonio: Non sei la sola Laura. Ai miei tempi Christiania era una meraviglia...
Io: Antonio, come tutte le cose quando iniziano sarà senz'altro stato molto, ma molto meglio!
TeleRivadolceriva: Bellissime (alludendo alle foto) avessi tempo te le ruberei per farci un video.
Io: Tanto rimangono lì!

Alessandra: C'è anche uno dei miei cuginetti lì in questi giorni....eheheh! Io l'ho visitata nel 2003 e già dicevano che l'avrebbero chiusa. Proprio stasera ero con un danese di Copenhagen che mi diceva che è molto cambiata... ma c'è!
Io: Tutti a gufare, ma c'è!

Laura Guglielmi

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Tempo libero Viaggi