Tania Cagnotto, nuda per Playboy

Tania Cagnotto

Tania Cagnotto

La tuffatrice italiana si fa immortalare senza veli sul magazine per adulti più famoso al mondo. Tanti scatti e fotografie per mostrare la sensualità dell'atleta di Bolzano

Magazine / Società & Tendenze / Attualità

Lunedi 13 maggio 2013

Tania Cagnotto, già campionessa olimpionica, si spoglia per Playboy, la rivista per adulti più famosa e comprata al mondo. La tuffatrice italiana che, a sorpresa, ha detto sì alla proposta del giornale di Hugh Hefner, è apparsa questa mattina sulla cover dell'edizione italiana del celebre magazine patinato.

Sulla copertina di Playboy Tania si fa immortalare immersa in una vasca da bagno piena di schiuma, mentre nelle pagine interne gli scatti si fanno ancor più intriganti. Solo in una delle foto la Cagnotto è completamente nuda, distesa di fianco su un letto di pelliccia bianca e con addosso solo un paio di sensuali scarpe con tacco a stiletto ai piedi.

La fotografa Elisabetta Radomanovic ha immortalato l'atleta bolzanina di 28 anni in pose atletiche e sensuali in una serie di scatti del titolo Un tuffo tra le braccia della signora trampolino. La scelta, per quanto sorprendente e ambiziosa, è piaciuta molto, soprattutto per i molti fan della tuffatrice, che, per la prima volta, si mette letteralmente a nudo per mostrarsi come una donna sexy, seducente e sicura di sé.

Tania Cagnotto, da sempre restia alla telecamere e alle cronache rosa, ha sorpreso tutti con questi scatti osé. Ma, come le stessa ha dichiarato a Playboy: «Quando esco la sera dopo l'allenamento mi piace indossare abiti corti, truccarmi e sentirmi più femminile». Sicuramente con queste fotografie, ha reso l'idea!

Bm

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Palazzo Ducale Genova

Giovedi 02/10/2014 ore 17:45
Sala del Maggior Consiglio

Grandi incontri - Stefano Rodotà

Crisi e futuro prossimo della democrazia, lectio magistralis. Prima conferenza del ciclo La democrazia dopo la democrazia, a cura di Stefano Rodotà e Nicla Vassallo

Google+