Sara Tommasi: il film porno disponibile dal 6 luglio. Costretta dagli alieni?

Magazine / Società & Tendenze / Attualità www.mentelocale.it

Pare ufficiale l'uscita della pellicola hard. Tra storie di incontri ravvicinati e spettacoli di lap dance, i retroscena del video misterioso

Sara Tommasi: il film porno disponibile dal 6 luglio. Costretta dagli alieni?

Venerdi 29 giugno 2012

Pare che ormai manchino pochi giorni all’uscita ufficiale del porno con protagonista Sara Tommasi. Stando a ciò che riporta il sito love-me.it, il dvd del film vedrà la luce venerdì 6 luglio nelle videoteche e nelle edicole, oppure direttamente sul citato sito web, creato ad hoc per l’occasione.

La mia prima volta, questo il titolo della pellicola hard, verrà inoltre programmato per una settimana su Sky. Un lancio in grande stile, per la Bocconiana più chiacchierata di quest’estate.

E mentre cresce l’attesa, ultimo in ordine cronologico, il regista della pellicola Guido Maria Ranieri è tornato a parlare, rilasciando un’intervista al Resto del Carlino. Innanzitutto il regista che ha tenuto a battesimo Sara nel mondo dell'hard, dichiara di essere anche lui interessato ai fenomeni alieni. Già, perché la Tommasi ha anche dichiarato di aver avuto un incontro ravvicinato del terzo tipo nei giorni precedenti alla realizzazione del film. In quell’occasione gli alieni le avrebbero imposto di girare una pellicola porno con lo scopo di diffondere la pace nel mondo. Le avrebbero impiantato un microchip nel cervello - avrebbe precisato la Tommasi - per tenerla sotto controllo. A seguito dell’incontro la Tommasi avrebbe contattato il regista Ranieri per realizzare il film.

Forse per la comune passione per gli abitanti dello spazio, Ranieri ha raccontato di aver subito riscontrato un grande feeling con la soubrette e che il loro rapporto lavorativo è stato suggellato da un contratto perfettamente regolare che prevede oltre che la realizzazione della pellicola anche una serie di spettacoli hard in giro per l’Italia per promuovere il film: il primo sexy show dovrebbe andare in scena sabato 30 giugno, a Firenze.
Sempre nell'intervista al Resto del Carlino, Ranieri puntualizza che l’ingresso nel mondo dell’hard di Sara Tommasi è stato fortemente voluto dalla stessa soubrette.

I colpi di scena da parte di Ranieri però non finiscono qui: il regista, infatti, aggiunge pure particolari piccanti sulle riprese del film. L’unico momento di sgomento sul set, spiega, è stato quando Sara avrebbe più volte espresso il desiderio di rimanere incinta durante le riprese, per meglio testimoniare il messaggio d’amore di cui si è fatta portatrice.

Tutto qui? Ovviamente no. Dal canto suo la Tommasi, raggiunta dai microfoni di Radio 24,ha dichiarato che La mia prima volta non esiste: la storia del film porno sarebbe solo una grossa bufala, inventata dalla trasmissione televisiva Le Iene alla quale lei si sarebbe gentilmente prestata. Uno scherzo, certo, per pubblicizzare un settore in crisi come il porno. Verità o finzione, ormai è difficile individuare la sottile linea che divide le vicende farsesche della giovane attrice. Rimane il fatto che durante l’intervista telefonica Sara Tommasi è apparsa poco lucida, tanto da spingere l’intervistatore a domandarle se avesse bisogno d’aiuto. Alla domanda Sara ha semplicemente glissato, chiudendo la conversazione.

E se ancora qualcuno sentisse il bisogno di aggiungere nuovi tasselli a questo puzzle, ha deciso di dire la sua pure l’avvocato Antonio Luigi Marra, ex compagno di Sara Tommasi, per le cui cause la soubrette si è sempre spesa mostrandosi completamente nuda: sempre a Radio 24, Marra ha dichiarato che la psicologa che a in cura Sara si sta già muovendo per ricoverare la ragazza in una struttura adeguata. Marra conclude dicendo di aver notato un’involuzione nel comportamento di Sara che ha portato al film porno. Come da liet motiv di questa storia, verità e menzogna si confondono facilmente.

© copyright Mentelocale Srl, vietata la riproduzione.

Vuoi essere aggiornato su cosa succede in città? Iscriviti alle nostre newsletter.
Inserisci, qui sotto, il tuo indirizzo email.